Il supplì romano: storia di un grande amore

supplì-romani

I supplì romani sono una delle cose che chi visita Roma ricorda con più amore e ammirazione, quasi al pari del Colosseo.

Piccola gioia fritta del panorama gastronomico romano, infatti, il supplì rappresenta pienamente quella che è l’essenza della Città Eterna e del suo popolo: l’innata capacità di sapersi arrangiare, la volontà di mangiare bene sempre e comunque, anche se in pochissimo tempo e “al volo”.

C’erano una volta i supplì romani

La strada è proprio il posto dove nascono i supplì romani ed è proprio qui che, in genere, questa prelibatezza viene gustata.

Lo street food de Roma è composto da riso al ragù, pecorino, mozzarella, uova, pane grattugiato, tutto agglomerato nell’amichevole forma di una polpetta.

La ricetta nasce a Roma, mentre il nome (seppur romano) è nasce dai soldati francesi che erano a Roma a inizio Ottocento: uno di loro, infatti, battezzò la magica polpetta di riso fritta e impanata “surprise, proprio perché, aprendola, il formaggio filante al suo interno era una vera e propria sorpresa.

Il nome “supplì” deriva dall’italianizzazione (e storpiatura) della parola.

A Roma, la piccola polpetta di riso, è conosciuta come “supplì al telefono”: il nome deriva dal fatto che per essere mangiato, il supplì va aperto in due e il formaggio al suo interno creava un filo simile a quella di un telefono.

La ricetta tradizionale dei supplì romani

Seppur storico protagonista della vita gastronomica della Capitale, i supplì romani sono un vero e proprio must di ogni esperienza romana che si rispetti.

Se vuoi levarti lo sfizio e diventare un vero pro nell’arte di infarinare e friggere delle polpette di riso, sugo e formaggio, ecco la ricetta degli unici e inimitabili supplì al telefono come Mamma Roma li ha fatti.

Ingredienti per 6 persone

  • 200 grammi di riso
  • 150 grammi di passata di pomodoro
  • 80 grammi di carne macinata
  • 1/2 bicchiere di vino
  • sale
  • pepe nero
  • 1 mozzarella
  • Pangrattato
  • Olio per frittura
  • Brodo vegetale/acqua calda
  • 2 uova

Il procedimento

Per prima cosa, bisogna preparare il ragù a base di carne macinata, vino rosso e passata di pomodoro: una volta pronto, cuocete il riso direttamente nel ragù e allungatelo con il brodo vegetale.

Lasciate che tutto il liquido di cottura si restringa e trasferite il riso in una ciotola per farlo raffreddare e, a questo punto, iniziate a preparare gli altri ingredienti della ricetta: sbattete le uova e tagliate la mozzarella a dadini.

Prendete una manciata di riso, adagiate al suo centro un po’ di mozzarella e lavoratela affinché assuma una forma ovale.

Ora, passate ogni supplì prima nell’uovo e poi nel pangrattato facendo attenzione a non farlo rompere.

Ultimo passaggio: scaldate benissimo l’olio e cuocete i supplì romani fin quando non risultano abbastanza dorati esternamente, successivamente scolateli e serviteli caldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share This